Facebook licenzia

Stamattina di buon’ora prima di iniziare a lavorare ho dedicato 30 minuti del mio tempo a leggere notizie e molte testate danno questa notizia: Zuckerberg licenzia.


Dopo 18 anni di crescita costante per la prima volta il colosso Meta registra un calo dell’1% dei propri ricavi rispetto allo stesso periodo nel 2021, un calo causato principalmente dal periodo storico che stiamo vivendo, molte aziende hanno infatti ridotto gli investimenti pubblicitari sui vari social e come ben sapete la principale fonte di guadagno del gruppo Meta deriva dalle inserzioni pubblicitarie.

Nel secondo semestre le entrate del gruppo (Facebook, Instagram, WhatsApp e Messenger) sono state di 28,8 miliardi di dollari, insomma in Italia con queste cifre si fanno le manovre in altri stati con queste cifre si gestisce un’azienda.

Meta negli ultimi mesi ha iniziato una serie di trasformazioni e investimenti, ma questo non significa che “Facebook è morto”, in questo social ci sono gli adulti, quelli che hanno un potere spendente e alle aziende questo interessa molto, possono infatti far conoscere i loro prodotti a potenziali clienti.

Per il marketing, Facebook da solo non basta, ci vuole una strategia, utilizzare altri metodi, per esempio il vecchio e caro sito internet, le newsletter, le google Ads, insomma l’unione fa la forza

Vuoi conoscere come utilizzare Facebook per la tua Azienda?

Scarica GRATIS un estratto del mio libro “E l’ora di Facebook”

CLICCA QUI

Se ti piace il mio articolo condividilo o lascia un like nelle mie pagine social.

Puoi anche seguirmi su

Instagram | Facebook | Linkedin